All’inizio

albadalmiobagno

C’è un momento al mattino che canta. Che incanta. Un momento che, se sei gentile e aspetti un poco, ti fa vedere le cose sussurrate.

Te le mostra sospese e potenti. Prima, prima che ti ricordi di essere un corpo pesante e che
ti tocca alzarlo. Prima che inizi la sequenza ininterrotta di “Dai bimbe è tardi” fino all’uscita di casa col papà, che le accompagna a scuola.

Prima che mi ricordi e assuma quella posa di afflitta perché il  figlio piccolo è ammalato.

Lo sento gorgheggiare dal suo lettino. Ha un timbro di voce così dolce! E quindi soprattutto, sopra a tutto grazie bimbo bello che ci sei!

Il cielo che ora, alle nove, con la casa tornata più quieta, si è fatto opaco, alle sei circa era  nitido e canterino, la luce fresca squillava.

E anche se la Marghe era a dormire dai nonni  sono quasi sicura  avrebbe detto “mamma, c’è un’alba meravigliosa”.

Isabella alle cinque è fuggita dal suo caldo lettuccio ed è arrivata da noi.

C’era un orologio nuovo in camera loro e il ticchettio l’ha disturbata. Si è infilata leggera e silenziosa sotto le nostre coperte e mi ha schiaffeggiato con i suoi riccioli biondi  – “mamma io li voglio lisci i capelli”  protesta di solito da sveglia, ma dormicchiando li lascia splendere così come sono. Biondi, ricci, un po’ arruffati. E mi coccola inconsapevole con il suo abbandono di bimba bella e serena.

Prima che sia tardi per temporeggiare, prima di dover obbedire al tempo oggettivo e maschile ci si può abbandonare un poco a quello carnale, femminile e primitivo. Le cose sono lì, sfacciate; e puoi sorriderne.

Dopo, dopo, anche se a breve, ma non ora, dovrai maneggiarle, riordinarle mettere mano ai molti doveri.

Però prima, c’è un prima che così spesso mi lascio sfuggire.

Siamo sopravvissuti alla notte, respirando. Inermi in mano a Dio. Siamo stati lì tante o poche ore. La notte, il sonno.  Doversi arrendere perché stanchi ha una giustizia che imparo e ricordo, ora.

Siamo sopravvissuti come le cose.

Il sole è sorto ed è lì a compiere il suo giro.

Il marito è qui, sonnecchia con me. Poi le sveglie di tutta la casa si fanno insistenti e prima noi adulti poi i più piccoli ci arrendiamo. Bisogna alzarsi.

I movimenti incerti della bimba grande, più che fanciulla, sono come i miei di mamma e come quelli di papà. Spiando me e loro provo tenerezza.

La grande macchina ormai cammina con i contributi vari e collaudati di tutti.

A piano terra ci aspettano pure i gattini, vecchi di soli nove giorni e la loro mamma ragazzina che le prime ore non trovava pace e li trasportava da un nascondiglio all’altro fino al lettino di Ludo. Lì mi sento sicura, diceva con le fusa; e li allattava.

Ora segue noi, ci vuole vicini il più possibile. I micetti sono quattro e si accoppiano per colore; dormono a mucchietti di due. Un mucchietto bianco e arancio e uno bianco e grigio, tigrato.

La vita cammina, la vita insiste, la vita è semplice.

(Articolo già pubblicato per La Croce Quotidiano, http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora)

Annunci

One thought on “All’inizio

  1. Questo momento ” che canta” ti dà la carica per affrontare tutto il resto. La cosa bella è che lo sai cogliere, è come una carezza di Gesù e te ne avvedi . Ti auguro forza, coraggio e gioia per proseguire il cammino intrapreso.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...